browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

«Sabato interriamo l’elettrodotto»

Posted by on 3 aprile 2018

Presentata l’azione dimostrativa che si terrà sugli argini dell’idrovia

VIGONOVO. I sindaci dei Comuni interessati e i cittadini si ritroveranno tutti assieme per “interrare” l’elettrodotto Dolo-Camin. Questa è l’azione dimostrativa organizzata dal gruppo “No elettrodotto aereo” che è in programma sabato 7 aprile. L’appuntamento è per le 11 nelle vicinanze della passerella sull’Idrovia nella zona di via Garibaldi e via Ariosto a Vigonovo. «Sarà una cerimonia “goliardica” nei modi, ma seria nei contenuti», precisano gli organizzatori, «l’idea è quella di far vedere a tutti come e dove si possa interrare l’elettrodotto, e dimostrare simbolicamente che le comunità coinvolte sono ben convinte delle loro posizioni» .

«Vogliamo dar vita ad un vero e proprio cantiere» , proseguono i rappresentanti del gruppo, «con i sindaci e i cittadini che saranno armati di badili e carriole sugli argini dell’Idrovia». L’obiettivo è ovviamente sensibilizzare le istituzioni nazionali e Terna a percorrere la strada dell’interramento totale della tratta come già fatto in altre parti d’Italia. Ad essere presenti dovrebbero essere sindaci e amministratori dei Comuni di Vigonovo, Fossò, Dolo, Mira, Camponogara, Stra, Fiesso, Saonara e Noventa Padovana. Per promuovere la manifestazione, il gruppo “No elettrodotto aereo” ha organizzato un gazebo al mercato di Vigonovo di Pasquetta. Legata alla manifestazione di sabato prossimo c’è anche la cena conviviale “Aggiungi un posto a tavola” che si svolgerà il 21 aprile nel centro parrocchiale di Tombelle di Vigonovo. Alla cena parteciperanno, oltre ai cittadini, anche i sindaci

e i neo eletti parlamentari che hanno sottoscritto nelle scorse settimana l’appello “pro interramento” lanciato dal gruppo. A firmarlo erano stati ben trenta candidati alla Camera e al Senato in rappresentanza di tutti i movimenti e partiti politici.

Giacomo Piran